Al Liceo Fabio Filzi di Rovereto “socio consapevole di cooperativa” Giovedì, 03 Gennaio 2019

Alcuni giorni fa, alle socie e ai soci della cooperativa scolastica “Give me five”, la consegna degli attestati durante un evento che ha rappresentato la tappa finale di un percorso “in cooperazione” durato cinque anni. Tra teoria ed esperienze pratiche. 

Cinque anni di studio che, oltre al diploma di maturità, hanno fruttato il titolo di “socio consapevole di cooperativa”. E’ successo a Rovereto, al Liceo Fabio Filzi di scienze umane (indirizzo economico sociale). Qui un gruppo di giovani ha ultimato il percorso quinquennale contraddistinto, anno dopo anno, da cinque diverse esperienze di cooperazione.

La cerimonia di consegna degli attestati ha offerto l’occasione per ripercorrere le tappe di un cammino iniziato cinque anni fa (2013/2014) con la creazione della cooperativa scolastica “Give me five” (tradotto: dammi il cinque). Primo anno dedicato ad acquisire i fondamentali cooperativi e impegnarsi nell’organizzazione dei mercatini di Natale in collaborazione con la cooperativa sociale Amalia Guardini.

L’anno dopo l’attività prosegue e si rinnova con la vendita di mele e altri prodotti frutticoli durante l’intervallo. In occasione delle udienze generali, invece, vengono venduti dolci, confezionati dai soci della cooperativa scolastica. La classe, inoltre, partecipa alla trasmissione televisiva Cooperquiz.

Nel terzo anno la cooperativa scolastica cambia articolo di vendita. Durante la pausa delle lezioni di metà mattina punta sullo yogurt. Durante le udienze propongono due altri prodotti realizzati da loro: saponette e ballistiche (palle di sapone da sciogliere nella vasca da bagno).

Il momento più importante (per partecipazione e crescita personale) viene vissuto con l’alternanza scuola-lavoro in alcune cooperative: Gruppo 78, Amalia Guardini, Punto d’approdo - Le Formichine, Casa Fiordaliso, Cantina Vivallis, Mori Colli Zugna, Caseificio Sociale Sabbionara, Famiglia Cooperativa Brentonico, Famiglia Cooperativa Lagarina Nomi, Movitrento.

Durante il quarto anno, “Give me five” partecipa alla “Marcia per la Pace” da Perugia ad Assisi. Rientra nel progetto in partnership con Cinformi e con la cooperativa Punto d’Approdo che affida alla cooperativa scolastica la realizzazione di una brochure in formato digitale. Obiettivo: fornire agli stranieri informazioni su alimenti, pernottamento, assistenza sanitaria, istruzione, mobilio, sport e tempo libero.

L’ultimo atto è storia di ieri o quasi. Nell’anno della maturità l’attenzione di studentesse e studenti si concentra sulla stesura di un project work (tradotto: lavoro di progetto) in cui rielaborare le esperienze cooperative maturate negli anni precedenti e nell’ultimo anno di frequenza liceale.  

Le studentesse e gli studenti che hanno ottenuto l’attestato di “socio consapevole di cooperativa” sono: Katia Arese, Alessia Benini, Marta Bucella, Virginia Candioli, Morris Dalbosco, Giordano Davidovich, Iman El Gardha, Simone Farinati, Iman Halouachi, Maryam Jawad, Martina Manzani, Nicole Marchesoni Schmid, Sara Mattè, Angela Mayr, Chiara Menotti, Caterina Pedri, Caterina Peschedasc, Beatrice Pontalti.

Probabilmente troverai di tuo interesse anche

  • Cooperazione Trentina, un sistema per fare la differenza Venerdì, 07 Giugno 2019

    In apertura della parte pubblica della 124^ assemblea della Federazione Trentina della Cooperazione (2019) è stato proiettato un filmato con i dati dei diversi settori del movimento cooperativo trentino e le brevi testimonianze dei cooperatori in risposta alla domanda: "E per te, qual è la prima cosa su cui lavorare?"

  • Premiate le classi del concorso scolastico “Custodi di parole” Giovedì, 30 Maggio 2019

    All'iniziativa hanno aderito 30 classi della scuola primaria e della scuola secondaria di primo e secondo grado, per un totale di oltre 520 studenti, che si sono impegnati nella realizzazione di vari materiali: video, dvd, lapbook, blog, cartelloni, dispense, powerpoint.Gli allievi della II C delle medie di Coredo hanno realizzato uno “scrigno della libertà”. Nel video il loro racconto, nelle parole di Martina e Manuel, e la testimonianza di Alessia Dobre della III LEB del Liceo "Fabio...

  • Con etika un risparmio di 1 milione 750 mila euro in bolletta Giovedì, 04 Aprile 2019

    Le 42 mila famiglie trentine che hanno scelto etika, l'offerta luce e gas della Cooperazione Trentina e Dolomiti Energia, hanno risparmiato complessivamente 1 milione e 750 mila euro in bolletta. Di più: hanno aiutato circa 40 persone con disabilità a sperimentare soluzioni abitative autonome e hanno inoltre salvaguardato l'ambiente trentino, con 14.700 tonnellate di anidride carbonica risparmiate, grazie all'utilizzo di energia green certificata.Questi alcuni dei dati dal...

  • L'ufficio a Bruxelles della Federazione Trentina della Cooperazione Martedì, 02 Aprile 2019

    La Federazione Trentina della Cooperazione è presente a Bruxelles con un ufficio per sostenere e promuovere il punto di vista delle cooperative trentine a livello europeo

  • Il video dell'udienza Lunedì, 25 Marzo 2019

    Hanno partecipato all'incontro con Francesco, sabato 16 marzo, in Aula Paolo VI, 252 cooperatori in rappresentanza di oltre 50 cooperative trentine.

  • L'esterometro Venerdì, 22 Febbraio 2019

  • Uscito il bando della prima edizione della borsa di studio Katia Tenni Mercoledì, 30 Gennaio 2019

    La Federazione Trentina della Cooperazione ha istituito una borsa di studio, del valore complessivo di 15 mila euro, da destinare a “Un progetto di intercooperazione territoriale che stimoli l'innovazione e veda protagonisti giovani cooperatori e cooperatrici”. L'iniziativa è intitolata alla memoria della dott.ssa Katia Tenni, stimata professionista impegnata negli organi di controllo di numerose cooperative trentine e nel collegio sindacale della...

  • L’innovazione nelle cooperative agricole del Trentino Lunedì, 21 Gennaio 2019

    Ad aver introdotto migliorie e innovazioni recenti sono perlopiù le cooperative vitivinicole e ortofrutticole. In cima all'elenco delle priorità di cambiamento c'è la volontà di convertire le prassi produttive nel rispetto di nuovi standard sostenibili, scegliendo il metodo biologico. Ancora: l'appartenenza alla forma cooperativa è fonte d'orgoglio nonché scelta ponderata. Sono solo alcuni dei risultati emersi dalla ricerca condotta da Euricse,...