Assomela in Polonia Martedì, 18 Giugno 2019

Il 12 e 13 giugno Assomela, assieme ai colleghi dell’Associazione Nazionale mele e pere di Francia, ha visitato la regione del Grojec, a sud di Varsavia, dove si producono circa la metà delle mele polacche. Con l’occasione si sono potuti confrontare con rappresentanti delle maggiori associazioni del settore melicolo polacco le principali criticità della situazione produttiva attuale, le prospettive future e discutere il ruolo dell’aggregazione e delle Organizzazioni di Produttori come strumento di pianificazione ed indirizzo per i produttori.

Si parla di:

Nella giornata di giovedì 13 le delegazioni, guidate da Freshfel, si sono confrontate sulle cause della produzione eccedentaria oggi strutturale per la Polonia e sui possibili correttivi. In particolare le ragioni si individuano nel carente livello organizzativo e nelle politiche di incentivazione dell’ultimo ciclo di Sviluppo Rurale, che ha legato l’erogazione di sostegni finanziari all’obbligo di mettere a dimora nuovi frutteti.

Su questo specifico punto sia Assomela che ANPP hanno espresso la più ampia disponibilità a collaborare per motivare i frutticoltori professionali ad aderire al modello delle Organizzazioni di Produttori, ma allo stesso tempo hanno espresso e motivato un totale dissenso rispetto alle recenti richieste di intervento a sostegno dei prezzi manifestate da taluni rappresentanti politici ed amministrativi. Non si vede infatti come si possa intervenire con sostegni comunitari pubblici su un problema generato da cattivo uso di risorse comunitarie. Si è infine convenuto anche sulla necessità di attivazione di strumenti di migliore conoscenza della base produttiva di ogni paese, sulla base della quale dare indirizzi più qualificati alla pianificazione produttiva.

L’incontro è stato giudicato unanimemente molto utile, oltreché cordiale, con l’impegno a provocare future occasioni di scambio in altri paesi e altri momenti.

 

L’organizzazione dell’incontro è stata l’occasione per visitare anche l’area produttiva di Grojec, colpita dalle gelate di maggio. La situazione produttiva appare molto variabile, con differenze sostanziali in frutteti anche vicini, dovute a pochi metri di differenza di quota, alla presenza di aree boscate o legate alla diversa sensibilità varietale. Accanto a frutteti quasi privi di mele si possono così trovare altri frutteti con danni anche molto più leggeri, oppure con produzione limitata alla parte più alta della pianta.

Ciò conferma come piccole differenze di temperatura, dovute ai fattori citati, possano generare danni molto diversi. In altre regioni produttive, in particolare nell’area di Lublino, l’effetto delle basse temperature è stato generalmente più limitato.

Sulla base di tali premesse si può quindi pensare a una significativa riduzione della produzione polacca, certamente però ancora difficile da valutare con precisione.

Anche per un corretto flusso delle informazioni e dei dati, si spera che occasioni di dialogo e discussione con i produttori polacchi come quello della scorsa settimana possano essere più sistematici e frequenti.

Assomela s.c. è il Consorzio delle Organizzazioni di Produttori di mele italiani che rappresenta l’80% della produzione melicola nazionale, a cui si associano le OP VOG (Marlene), VIP, VOG Products e il Consorzio FROM della Provincia di Bolzano, Melinda, “la Trentina” e Mezzacorona della Provincia di Trento, Nord Est della Regione Veneto, Melapiù della Regione Emilia Romagna, Rivoira e Lagnasco della Regione Piemonte, Friulfruct del Friuli Venezia Giulia e Melavì della Regione Lombardia.

Fonte: Assomela

Probabilmente troverai di tuo interesse anche

  • Mele sostenibili sui banchi d'università Lunedì, 24 Novembre 2014

    Sono uno dei frutti che, dalla raccolta alla vendita, producono meno anidride carbonica. Parliamo delle mele, la cui impronta carbonica, vale a dire la quantità di emissioni, è comunque ancora migliorabile. Lo dice lo studio realizzato in collaborazione con Assomela e presentato oggi alla Libera Università di Bolzano. Magnani e Dalpiaz: “Risultati che applicheremo alla pratica per migliorarci”. Il prof Tagliavini: “I produttori dovranno usare energie rinnovabili, ma servirà anche...

  • 6000 mele alla conquista di Bruxelles e di nuovi mercati Lunedì, 24 Novembre 2014

    6000 mele Dop e Igp, dal Trentino e dall'Alto Adige, alla conquista di Bruxelles, sui banchi del Consiglio Agri. E in cerca di nuovi mercati. Interviste a: Maurizio Martina, ministro Agricoltura Alessia Mosca, europarlamentare

  • Bruxelles, le mele e i nuovi mercati Giovedì, 13 Novembre 2014

    Oltre al Nord Africa dove sono già protagoniste, Oriente e Nordamerica sono tra le prossime mete per le mele regionali. Ma dai negoziati in corso nell'Unione europea si aprono buone prospettive per Canada, Giappone, Vietnam e Singapore. Da "aggredire" puntando su qualità e territorio.Tra le priorità, salvaguardare Dop e Igp negli accordi con gli Stati Uniti.L'europarlamentare Alessia Mosca (Commissione commercio internazionale) ai produttori trentini e altoatesini: "il Canada...

  • Bruxelles, Varesco: "Insieme si vince" Giovedì, 13 Novembre 2014

    "L'unione fa la forza". Parola di Franz Varesco, presidente della Cooperativa Vog, a Bruxelles con le 6mila mele trentine e altoatesine per il Consiglio dei Ministri Agri. Impressioni sull'incontro con il Ministro Martina e con Alessia Mosca della Commissione Commercio Internazionale del Parlamento Europeo

  • Bruxelles, Odorizzi: "Innovazione per il futuro" Giovedì, 13 Novembre 2014

    Per Michele Odorizzi, presidente di Melinda, a Bruxelles con le 6mila mele trentine e altoatesine per il Consiglio dei Ministri Agri, la sfida del futuro è quella dell'innovazione. Sui mercati, ma anche nel prodotto per quel che riguarda le varietà.

  • Bruxelles, Magnani: "Il governo ci supporti" Giovedì, 13 Novembre 2014

    "Un aiuto nell'internazionalizzazione sarebbe stato utile. In ogni caso, dobbiamo salvare Dop e Igp, garanzia di qualità". Ennio Magnani, presidente di Apot e Assomela, a Bruxelles con le 6mila mele trentine e altoatesine per il Consiglio dei Ministri Agri.

  • Bruxelles, Dorfmann: "Salviamo Dop e Igp sul mercato globale" Giovedì, 13 Novembre 2014

    "Difendere Dop e Igp a livello globale è fondamentale" ha detto Herbert Dorfmann, europarlamentare e membro della Commissione per l'Agricoltura e lo Sviluppo Rurale, a Bruxelles con le 6mila mele trentine e altoatesine per il Consiglio dei Ministri Agri.

  • Bruxelles, Koessler: "Le nostre mele sono andate a ruba" Giovedì, 13 Novembre 2014

    "Abbiamo fatto bene...oltre a fare bella figura. Le mele sono andate a ruba ed è stata un'ottima occasione". Lo ha detto Gorg Koessler, presidente di Marlene, a Bruxelles con le 6mila mele trentine e altoatesine per il Consiglio dei Ministri Agri.

  • Bruxelles, Dietl: "Scopriamo nuovi mercati" Giovedì, 13 Novembre 2014

    "Un'ottima occasione per comprendere quali siano i nuovi mercati. Oltre agli Stati Uniti, l'India". Così Karl Dietl di Assomela, a Bruxelles con le 6mila mele trentine e altoatesine per il Consiglio dei Ministri Agri.

  • Bruxelles, le mele e il ministro Martina Mercoledì, 12 Novembre 2014

    Seimila confezioni di mele sui banchi del consiglio europeo agricoltura, durante il vertice dei ministri comunitari che si tiene oggi e domani nella capitale europea. Una iniziativa che mette in mostra l'eccellenza della produzione frutticola regionale e il valore di un territorio e una economia cooperativa. I complimenti del presidente di turno, il ministro italiano Maurizio Martina: “una iniziativa che ha fatto fare bella figura all'Italia”.