Marina Mattarei: identità e partecipazione nella "vision" della Cooperazione Trentina Domenica, 08 Dicembre 2019

Il testo dell’editoriale della presidente Marina Mattarei inviato ai quotidiani.

Recentemente la Federazione Trentina della Cooperazione ha elaborato il proprio documento di Vision unitaria, la proiezione di uno scenario futuro basato su valori, ideali e aspirazioni, che sia ancora in grado di sviluppare e mantenere coeso un sistema imprenditoriale socialmente responsabile, pilastro fondamentale dell’Autonomia trentina qual è il movimento cooperativo.
E’ stato, nel metodo, un buon esercizio partecipativo all’interno del Consiglio d’Amministrazione, attivato dalla lettura di contesto delle dinamiche economiche e socio-culturali locali e globali, individuando nel contempo i punti di forza e di debolezza della cooperazione che in questo contesto si trova ad operare.

Dall’esito di questa ricognizione, risulta oggettivo che il bilancio della partecipazione all'interno del sistema è oggi più debole di ieri. Non è dunque un caso che si sia inteso mettere al primo punto della Vision il tema: Identità e Partecipazione.  

Da sempre il coinvolgimento diretto dei soci è un fattore di grande importanza per la coesione sociale delle nostre comunità trentine e uno dei principali fattori distintivi e competitivi dell’impresa cooperativa. 

Centralità della persona, bene comune, solidarietà, sussidiarietà e soprattutto partecipazione, sono i pilastri fondamentali anche della carta dei valori del Credito cooperativo, a cui si aggiungono l'associazionismo e l'assenza di fini di lucro nel caratterizzare la cooperazione in generale. Questa è la cornice di valori entro la quale l'agire cooperativo trova il suo senso.

E dentro questa cornice si genera la capacità delle cooperative di superare situazioni di crisi decisionale poiché il radicamento locale, la coesione interna e la condivisione di scelte anche difficili può far conto su un sistema di principi che stanno alla base della convivenza cooperativa: la mutualità, la solidarietà, la democrazia economica.

E' naturale che la loro effettiva applicazione comporti la consapevolezza e il rischio di ciascuno di dover mettersi in discussione. La libertà dei soci, sempre coniugata alla responsabilità, di esprimere le proprie opinioni su qualsiasi tema che riguarda la loro cooperativa, deve trovare garanzia attraverso modalità e regole coerenti; anche a tutela degli stessi amministratori. Nessuno può sostituirsi ai Soci.

Una evidenza questa, che non è una declinazione di responsabilità da parte della Federazione, che ad ogni piè sospinto viene tirata per la giacca affinché le contraddizioni che nascono dal confronto tra valori e comportamenti individuali trovino in lei un alleato a favore di questa o di quella parte. 

La Federazione che è il luogo privilegiato dove si incontrano diversi soggetti che caratterizzano e riassumono il pluralismo settoriale della cooperazione trentina, e dove le diverse anime si riconoscono esprimendo i loro vertici settoriali, oggi sta vivendo una stagione di grandi problematicità. I mutamenti in corso soprattutto nel settore del credito cooperativo, oggi alla ribalta, rischiano di accentuare un processo di disarticolazione dell'universo cooperativo e in questo processo la cosa che più risalta agli occhi, è il bisogno di tutti i soci di sentirsi protetti, maggiormente informati, coinvolti e più corresponsabili nei processi decisionali. 

Occorre sottolineare che dai fatti accaduti in questi giorni alla Cassa Rurale Lavis Mezzocorona Valle di Cembra, la questione assume toni preoccupanti proprio perché mostra una grande assenza di informazione e di quel tratto della cultura cooperativa della relazione che genera fiducia. E senza fiducia non c’è coesione.

Tuttavia, non bisogna confondere che poter discutere dei problemi non è la stessa cosa che fare qualcosa per risolverli. Per questo motivo la Federazione per mantenere il suo ruolo, la sua equidistanza etica e la sua volontà compositiva, si è posta l’obiettivo di fornire alle cooperative associate contenuti e strumenti formativi e di rendicontazione sociale finalizzati a rendere più viva e vivace la partecipazione dentro ciascuna cooperativa.

Oggi più che mai è importante che ogni cooperativa si ponga l’obiettivo di praticare e dimostrare una responsabilità sociale coerente con la sua missione e con il contesto etico e di valori a cui fa riferimento.

Per questo motivo è importante aggiornare anche la revisione dei sistemi di controllo, le metodologie di revisione, per certificarne la reputazione aziendale, l'affidabilità, la stabilità nel mercato.

Sottolineo questi due ultimi punti perché sono un impegno, a prescindere, per far sì che le cooperative possano continuare a lavorare per uno sviluppo responsabile e sostenibile della comunità e del territorio di cui sono espressione anche nella contemporaneità.

Probabilmente troverai di tuo interesse anche

  • La Cooperazione Trentina agli Stati generali della montagna Martedì, 02 Luglio 2019

    La Cooperazione Trentina e l'associazione Giovani cooperatori trentini hanno partecipato all'evento di chiusura degli Stati generali della montagna, portando il loro contributo per l'elaborazione di un piano di proposte strategiche per la valorizzazione del territorio montano.

  • Riscoperti i giochi di una volta per gli ospiti della Casa di riposo Martedì, 25 Giugno 2019

    Le studentesse della quarta A dell' Istituto di Istruzione Marie Curie di Pergine, indirizzo in scienze umane, hanno ricreato in classe, sotto la guida degli ospiti del Centro diurno della Casa di riposo di Povo, alcuni giochi di una volta, che hanno adattato alle capacità fisiche attuali degli anziani. Il lavoro è stato presentato dalle studentesse all'interno dell'Alzheimer Fest di Povo. Una valida psicomotricità - hanno appreso le studentesse - consente agli...

  • Cooperazione Trentina, un sistema per fare la differenza Venerdì, 07 Giugno 2019

    In apertura della parte pubblica della 124^ assemblea della Federazione Trentina della Cooperazione (2019) è stato proiettato un filmato con i dati dei diversi settori del movimento cooperativo trentino e le brevi testimonianze dei cooperatori in risposta alla domanda: "E per te, qual è la prima cosa su cui lavorare?"

  • Premiate le classi del concorso scolastico “Custodi di parole” Giovedì, 30 Maggio 2019

    All'iniziativa hanno aderito 30 classi della scuola primaria e della scuola secondaria di primo e secondo grado, per un totale di oltre 520 studenti, che si sono impegnati nella realizzazione di vari materiali: video, dvd, lapbook, blog, cartelloni, dispense, powerpoint.Gli allievi della II C delle medie di Coredo hanno realizzato uno “scrigno della libertà”. Nel video il loro racconto, nelle parole di Martina e Manuel, e la testimonianza di Alessia Dobre della III LEB del Liceo "Fabio...

  • Con etika un risparmio di 1 milione 750 mila euro in bolletta Giovedì, 04 Aprile 2019

    Le 42 mila famiglie trentine che hanno scelto etika, l'offerta luce e gas della Cooperazione Trentina e Dolomiti Energia, hanno risparmiato complessivamente 1 milione e 750 mila euro in bolletta. Di più: hanno aiutato circa 40 persone con disabilità a sperimentare soluzioni abitative autonome e hanno inoltre salvaguardato l'ambiente trentino, con 14.700 tonnellate di anidride carbonica risparmiate, grazie all'utilizzo di energia green certificata.Questi alcuni dei dati dal...

  • L'ufficio a Bruxelles della Federazione Trentina della Cooperazione Martedì, 02 Aprile 2019

    La Federazione Trentina della Cooperazione è presente a Bruxelles con un ufficio per sostenere e promuovere il punto di vista delle cooperative trentine a livello europeo

  • Il video dell'udienza Lunedì, 25 Marzo 2019

    Hanno partecipato all'incontro con Francesco, sabato 16 marzo, in Aula Paolo VI, 252 cooperatori in rappresentanza di oltre 50 cooperative trentine.

  • L'esterometro Venerdì, 22 Febbraio 2019

  • Uscito il bando della prima edizione della borsa di studio Katia Tenni Mercoledì, 30 Gennaio 2019

    La Federazione Trentina della Cooperazione ha istituito una borsa di studio, del valore complessivo di 15 mila euro, da destinare a “Un progetto di intercooperazione territoriale che stimoli l'innovazione e veda protagonisti giovani cooperatori e cooperatrici”. L'iniziativa è intitolata alla memoria della dott.ssa Katia Tenni, stimata professionista impegnata negli organi di controllo di numerose cooperative trentine e nel collegio sindacale della...