Dipendenti delle coop sociali distaccati nelle Rsa pubbliche, già avviati i primi contratti Lunedì, 06 Aprile 2020

Dopo la firma venerdì scorso dell’accordo quadro per integrare temporaneamente  – su base volontaria – il personale nelle Rsa con dipendenti delle cooperative sociali di area socioassistenziale, già avviati i contatti con la “don Ziglio” di Levico Terme e le Rsa nella zona di Arco e “busa”.

Paolo Fellin (Federazione, Vales): Con l’emergenza virus cali anche fino al 70% nei servizi domiciliari. Per contro, il personale delle Rsa in molti casi è vicino al collasso.

Chi lo vorrà e solo attraverso una adesione su base volontaria, potrà essere distaccato per il periodo dell’emergenza nelle residenze per anziani pubbliche. Una risposta occupazionale e nello stesso tempo la copertura di un servizio essenziale.

Alla convenzione firmata venerdì scorso in Provincia hanno aderito la Federazione trentina della Cooperazione (con il delegato sindacale Paolo Fellin, l’ex vicepresidente Italo Monfredini, la presidente di Consolida Serenella Cipriani), il Consorzio Comuni, l’Upipa e le organizzazioni sindacali.

Il progetto prevede che il personale delle cooperative sociali dedito ai servizi di cura alla persona nell’ambito dei contratti di assistenza domiciliare possa essere distaccato, su base volontaria, presso le strutture pubbliche delle Rsa dove ci sia bisogno.

I servizi di assistenza domiciliare infatti hanno subito cali importanti che in certi territori arrivano anche fino al 60 o 70%. La drastica diminuzione in alcuni casi è dovuta alla rivisitazione dei piani di assistenza da parte degli enti gestori (Comunità di Valle, città di Trento e Rovereto), che hanno preferito mantenere solo i servizi essenziali. Dall’altra molti familiari di anziani hanno preferito evitare l’accesso nelle abitazioni di persone esterne.

Anche l’assistenza domiciliare integrata, cure palliative e assistenza domiciliare per demenze ha subito un calo del 30% dovuto soprattutto a rinunce da parte dei familiari utenti.

In via prioritaria sono interessati dal progetto operatori e operatrici con il titolo di Oss (operatori socio-sanitari), ma nel caso di ulteriore richiesta è ammesso anche personale alle dipendenze da almeno due anni di una cooperativa sociale nell’ambito dei servizi di cura alla persona.

“Il dato di fatto è che in questo momento c’è una parte del nostro personale che non sta lavorando, mentre nelle Rsa a gestione pubblica al contrario c’è la necessità di integrare il personale che è stremato per la tragica diffusione del virus presso la popolazione anziana”, afferma Paolo Fellin, delegato sindacale della Federazione e direttore della cooperativa sociale Vales. “Da qui l’dea di valorizzare una parte del nostro personale per continuare a lavorare all’interno di questo mondo.

Il passaggio deve avvenire su base di adesione volontaria, e per il tempo in cui ci sarà bisogno, al massimo la durata della fase di emergenza.

Il personale sarà distaccato nelle Rsa, a cui spetta anche la formazione iniziale e tutte le responsabilità relative alla sicurezza sul lavoro. Per questo tempo il nostro personale dal punto di vista salariale si vedrà riconosciuto lo stesso trattamento economico del contratto di pubblico impiego.

Nella giornata di oggi sono già stati attivati i primi contratti. Vales è partita con la Rsa don Ziglio (Levico), cooperativa Assistenza si è attivata nella zona di Arco e ‘busa’, stiamo raccogliendo disponibilità per altre realtà”.

In totale sono un migliaio le persone occupate nel settore socio-assistenziale, di cui verrà coinvolta una parte di risorse umane, che hanno aderito su base volontaria alla richiesta di aiuto e che non sta lavorando. Ovviamente viene mantenuta l’attenzione a non minare e a non depotenziare l’organizzazione dei servizi sul territorio che rimane a pieno titolo il fronte primario di servizi attraverso i quali aiutare le persone al proprio domicilio.

#lacooperazionecè

 

Probabilmente troverai di tuo interesse anche

  • Il biodistretto cooperativo a Trento sud Mercoledì, 19 Febbraio 2020

    L'Ati con Sft, Cantina Trento, Con.Solida e Tuttoverde si è aggiudicata il bando di gestione per i prossimi 15 anni dei 56 ettari di terreno della Fondazione Crosina Sartori Cloch, dove si coltiveranno mele bio ma anche asparagi, pere e progetti di inclusione sociale. E sarà realizzato un agricampeggio.

  • Un Manifesto per comunicare la disabilità Mercoledì, 13 Novembre 2019

    Studi internazionali dimostrano che spesso l'emarginazione delle persone con disabilità non è determinata dalla menomazione, ma dallo sguardo che posiamo su di loro, a livello individuale e collettivo. Uno sguardo alimentato dalla narrazione mediatica che oscilla ancora tra l'occultamento e il pietismo, ma anche dalla rappresentazione di chi con la disabilità convive quotidianamente, come le famiglie e gli operatori.Sul tema Consolida, con l'Ordine dei giornalisti del Trentino Alto –...

  • La Cooperazione Trentina agli Stati generali della montagna Martedì, 02 Luglio 2019

    La Cooperazione Trentina e l'associazione Giovani cooperatori trentini hanno partecipato all'evento di chiusura degli Stati generali della montagna, portando il loro contributo per l'elaborazione di un piano di proposte strategiche per la valorizzazione del territorio montano.

  • Il progetto INNO-WISEs Mercoledì, 26 Giugno 2019

    L'attività di alcune cooperative sociali trentine, che nei prossimi mesi parteciperanno alla fase di test della piattaforma ICT per le WISEs (Work Integration Social Enterprises – Cooperative di inserimento lavorativo) progettata dai partner del progetto INNO-WISEs, nel video realizzato dalla cooperativa sociale Relè.Il progetto è finanziato dal programma INTERREG Central Europe e la Federazione Trentina della Cooperazione ne...

  • Riscoperti i giochi di una volta per gli ospiti della Casa di riposo Martedì, 25 Giugno 2019

    Le studentesse della quarta A dell' Istituto di Istruzione Marie Curie di Pergine, indirizzo in scienze umane, hanno ricreato in classe, sotto la guida degli ospiti del Centro diurno della Casa di riposo di Povo, alcuni giochi di una volta, che hanno adattato alle capacità fisiche attuali degli anziani. Il lavoro è stato presentato dalle studentesse all'interno dell'Alzheimer Fest di Povo. Una valida psicomotricità - hanno appreso le studentesse - consente agli...

  • Cooperazione Trentina, un sistema per fare la differenza Venerdì, 07 Giugno 2019

    In apertura della parte pubblica della 124^ assemblea della Federazione Trentina della Cooperazione (2019) è stato proiettato un filmato con i dati dei diversi settori del movimento cooperativo trentino e le brevi testimonianze dei cooperatori in risposta alla domanda: "E per te, qual è la prima cosa su cui lavorare?"

  • Premiate le classi del concorso scolastico “Custodi di parole” Giovedì, 30 Maggio 2019

    All'iniziativa hanno aderito 30 classi della scuola primaria e della scuola secondaria di primo e secondo grado, per un totale di oltre 520 studenti, che si sono impegnati nella realizzazione di vari materiali: video, dvd, lapbook, blog, cartelloni, dispense, powerpoint.Gli allievi della II C delle medie di Coredo hanno realizzato uno “scrigno della libertà”. Nel video il loro racconto, nelle parole di Martina e Manuel, e la testimonianza di Alessia Dobre della III LEB del Liceo "Fabio...

  • Con etika un risparmio di 1 milione 750 mila euro in bolletta Giovedì, 04 Aprile 2019

    Le 42 mila famiglie trentine che hanno scelto etika, l'offerta luce e gas della Cooperazione Trentina e Dolomiti Energia, hanno risparmiato complessivamente 1 milione e 750 mila euro in bolletta. Di più: hanno aiutato circa 40 persone con disabilità a sperimentare soluzioni abitative autonome e hanno inoltre salvaguardato l'ambiente trentino, con 14.700 tonnellate di anidride carbonica risparmiate, grazie all'utilizzo di energia green certificata.Questi alcuni dei dati dal...

  • L'ufficio a Bruxelles della Federazione Trentina della Cooperazione Martedì, 02 Aprile 2019

    La Federazione Trentina della Cooperazione è presente a Bruxelles con un ufficio per sostenere e promuovere il punto di vista delle cooperative trentine a livello europeo