Esperienze al Rifugio Venerdì, 12 Aprile 2019

Presentato il progetto della Società degli Alpinisti Tridentini, sostenuto dalla Federazione Trentina della Cooperazione, che mira a proporre stage formativo/lavorativi rivolti a persone portatrici di disagio mentale e assistiti dalle cooperative. Sono intervenuti la presidente di Sat, Anna Facchini, il direttore della Federazione, Alessandro Ceschi, e Claudio Colpo responsabile del progetto "Esperienze al Rifugio".

Si svolto l’incontro tra Sat, la Federazione Trentina della Cooperazione e il Gruppo Montagna per Tutti per l’illustrazione del progetto “Esperienze al rifugio”. Nel mese di settembre 2018 è stato avviato un progetto-pilota denominato “Esperienze al rifugio” che ha attivato presso alcuni rifugi SAT degli stage formativo/lavorativi rivolti a persone portatrici di disagio mentale e assistiti dalle cooperative, o associazioni trentine operanti nell’ambito del sociale.

La prima parte del progetto ha visto una fase sperimentale che ha coinvolto sette rifugi (Rifugio Val d’Amola “G. Segantini”, Mandron “Città di Trento”, Val di Fumo, “N. Pernici” alla Bocca di Trat, Stivo “P. Marchetti”, Alpe Pozza “V. Lancia”, Altissimo “D. Chiesa”) per un totale di otto stage formativi.

Il positivo riscontro del progetto-pilota ha motivato la SAT nel riproporre questa esperienza per l’intera stagione estiva 2019, aumentando significativamente sia il numero degli stage proposti, che il numero dei rifugi SAT coinvolti, quest’anno infatti sono tredici le strutture aderenti all’iniziativa (ai precedenti si aggiungono: il rifugio Peller, lo Stavel- Denza, il Cevedale – G. Larcher, Casarota “L. Ciola”, Erterle “Cinquevalli”, Monzoni “T. Taramelli”).

“Una SAT poco conosciuta quella che opera con le cooperative sociali- ha dichiarato la presidente Anna Facchini - ma che svolge una attività intensa, che a noi sta molto a cuore. Inoltre il fatto che una realtà come la Federazione delle Cooperative abbia creduto in questo nostro impegno tanto da sostenerlo finanziariamente, ci offre la conferma di essere sul sentiero giusto, un percorso luminoso che porterà beneficio non solo ai protagonisti degli stage, ma a tutti coloro che avranno modo di vivere e di testare l’instaurarsi di relazioni positive ed  i progressi, peraltro già visibili dall’esperienza 2018”.

Tale progetto, che ha come obiettivo la realizzazione di circa 25 stage formativo/lavorativi, si è concretizzato grazie al sostegno della Federazione delle Cooperative Trentine, che ha concesso il proprio patrocinio, finanziando totalmente l’iniziativa.

“La Federazione ha accettato con entusiasmo la proposta di SAT e finanziato questo percorso, perché sposa la visione cooperativa di montagna come luogo inclusivo, dove tutte le persone possano trovare benessere e migliorare la propria salute – spiega Alessandro Ceschi, direttore generale della Federazione Trentina della Cooperazione, che stamane ha portato i saluti della presidente Marina Mattarei all’incontro con le cooperative –. Siamo convinti che questa iniziativa produca un doppio beneficio: alle persone coinvolte, che con l’accompagnamento della propria cooperativa di riferimento potranno intraprendere questi percorsi formativi di riabilitazione terapeutica, o soci educativa e di avvicinamento al lavoro. Ma farà bene anche al sistema turistico trentino in generale, che lancia così un messaggio di apertura e di valorizzazione anche delle persone più fragili”.

Nel corso della riunione Claudio Colpo dirigente SAT ha illustrato tutte le fasi di realizzazione del progetto, lo svolgimento dei quattro giorni di stage, con un volontario cooperatore sociale che ha il compito di  interfacciarsi con i gestori per un adeguato inserimento degli stagisti.   Sara Foradori del gruppo Montagna per Tutti  ha invece presentato un resoconto dell’esperienza 2018, mentre in chiusura è stato proiettato un filmato curato da Punto di Incontro, con una testimonianza diretta.

Fonte: Ufficio Stampa Sat

Probabilmente troverai di tuo interesse anche

  • Con etika un risparmio di 1 milione 750 mila euro in bolletta Giovedì, 04 Aprile 2019

    Le 42 mila famiglie trentine che hanno scelto etika, l'offerta luce e gas della Cooperazione Trentina e Dolomiti Energia, hanno risparmiato complessivamente 1 milione e 750 mila euro in bolletta. Di più: hanno aiutato circa 40 persone con disabilità a sperimentare soluzioni abitative autonome e hanno inoltre salvaguardato l'ambiente trentino, con 14.700 tonnellate di anidride carbonica risparmiate, grazie all'utilizzo di energia green certificata.Questi alcuni dei dati dal...

  • L'ufficio a Bruxelles della Federazione Trentina della Cooperazione Martedì, 02 Aprile 2019

    La Federazione Trentina della Cooperazione è presente a Bruxelles con un ufficio per sostenere e promuovere il punto di vista delle cooperative trentine a livello europeo

  • Il video dell'udienza Lunedì, 25 Marzo 2019

    Hanno partecipato all'incontro con Francesco, sabato 16 marzo, in Aula Paolo VI, 252 cooperatori in rappresentanza di oltre 50 cooperative trentine.

  • L'esterometro Venerdì, 22 Febbraio 2019

  • Uscito il bando della prima edizione della borsa di studio Katia Tenni Mercoledì, 30 Gennaio 2019

    La Federazione Trentina della Cooperazione ha istituito una borsa di studio, del valore complessivo di 15 mila euro, da destinare a “Un progetto di intercooperazione territoriale che stimoli l'innovazione e veda protagonisti giovani cooperatori e cooperatrici”. L'iniziativa è intitolata alla memoria della dott.ssa Katia Tenni, stimata professionista impegnata negli organi di controllo di numerose cooperative trentine e nel collegio sindacale della...

  • L’innovazione nelle cooperative agricole del Trentino Lunedì, 21 Gennaio 2019

    Ad aver introdotto migliorie e innovazioni recenti sono perlopiù le cooperative vitivinicole e ortofrutticole. In cima all'elenco delle priorità di cambiamento c'è la volontà di convertire le prassi produttive nel rispetto di nuovi standard sostenibili, scegliendo il metodo biologico. Ancora: l'appartenenza alla forma cooperativa è fonte d'orgoglio nonché scelta ponderata. Sono solo alcuni dei risultati emersi dalla ricerca condotta da Euricse,...

  • Iscriviti al canale di Cooperazione Trentina! Venerdì, 11 Gennaio 2019

    Perché iscriversi al canale YouTube della Cooperazione Trentina? Le ragioni sono tante e puoi scoprirne alcune in questo breve video. E ricorda che puoi partecipare anche tu alla decisione di cosa pubblicare. Scrivici cosa vorresti vedere o cosa vorresti sapere del movimento cooperativo. Faremo il possibile per risponderti con un nuovo video!