L'Economia raccontata ai bambini Giovedì, 13 Settembre 2007

Le fiabe di Mauro Neri oggi allo stand della Cooperazione
C'è un altro scoiattolo che si intrufola al Festival dell'Economia. Si chiama "Gellindo Ghiandeloro", ed è la mascotte che accompagna i bambini alla scoperta dell'economia. Gellindo è il protagonista di una serie di fiabe per bambini che divertono e nello stesso tempo spiegano ai più piccoli il significato e il valore del risparmio e dell'economia.

Scritto da Mauro Neri (autore di più d'un centinaio di libri, molti dei quali scritti per bambini e adolescenti), illustrato da Fulber (il cartoonist trentino Fulvio Bernardini, sulla scena ormai da trent'anni), accompagnato da schede di spiegazione e di approfondimento scritte da Silvia Vernaccini (autrice di testi divulgativi d'arte, di turismo, di storia), il volume "L'ECONOMIA RACCONTATA AI BAMBINI" raccoglie le prime sei avventure dello scoiattolo Gellindo e altre sei fiabe "per addormentarsi", racconti brevi che accompagnano i bambini a scoprire e a conoscere la Valle di Risparmiolandia, il Bosco delle Venti Querce, il Villaggio degli Spaventapasseri...

 

"L'iniziativa editoriale fa parte di un progetto molto ambizioso delle Casse Rurali - afferma il responsabile marketing Alessandro Antoniolli - che si chiama "Risparmiolandia"' e coinvolge centinaia di bambini in età scolare. Vogliamo spiegare ai più piccoli cosa significa la responsabilità, la solidarietà, il risparmio. Quasi un dovere per la cooperazione".

 

Perché gli Spaventapasseri per spiegare ai bambini le basi elementari dell'economia? "Perché - risponde Mauro Neri - gli Spaventapasseri sono i depositari della saggezza concreta e genuina della cultura contadina, custodi di quel valore originario che induce il contadino a tutelare e a difendere i prodotti della propria terra, perché costituiscono la ricchezza della propria famiglia. È per questo che gli Spaventapasseri ci parlano anche di risparmio e di cura amorevole delle proprie sostanze".

 

Sono, anche, la testimonianza che il riciclaggio dei materiali poveri e di rifiuto faceva parte della cultura contadina già da alcuni secoli. Vecchie giacchette non più usate, cappelli di paglia ormai bucati, sciarpe tarlate e in disuso... e, poi, rastrelli arrugginiti, vecchi arnesi domestici...

 

"Abbiamo scelto gli Spaventapasseri, infine - prosegue Neri - perché piacciono ai bambini: piacciono per la simpatia che ispirano; per il fatto d'essere i guardiani "muti" dell'orto e del campo, "soldati" senz'armi e pacifici, che hanno l'unico scopo di tener lontani gli uccelletti troppo affamati".

 

I titoli

 

Questi sono i titoli delle sei avventure che hanno per protagonista il nostro scoiattolino e il colorati popolo degli Spaventapasseri di Risparmiolandia:
1. "Gellindo Ghiandedoro e un regalo complicato": Gellindo deve fare un regalo all'amico spaventapasseri Pagliafresca, che compie gli anni, Vorrebbe regalargli una bella pipa finta di vero legno di ciliegio, ma non conosce ancora l'esistenza del denaro: saranno alcuni simpatici commercianti a fargli comprendere che cosa sono le monete, come possiamo procurarcele e in che modo possiamo spenderle con oculatezza.
2. "Gellindo Ghiandedoro e il cattivo consigliere": Gellindo adesso è pieno di soldi,. Perché è riuscito a vendere tutte le ghiande d'oro che gli regala ogni anno la quercia in cui vive. Ma lo scoiattolo non ha ancora il senso del risparmio: sarà uno spaventapasseri birbantello a metterlo sulla cattiva strada e altri spaventapasseri suoi amici a riportarlo sulla retta via. Alla fine Gellindo saprà che il denaro è faticoso da guadagnare e che vale la pena risparmiarne un po' per i tempi di magra.
3. "Gellindo Ghiandedoro e un inverno senza fine": è solo cooperando, solo lavorando assieme e unendo le forze che possiamo sconfiggere qualsiasi avversità. Lo scoiattolo Gellindo lo impara nel corso di un inverno freddissimo, che aveva gelato tutti gli spaventapasseri suoi amici. Per salvarli da morte certa...
4. "Gellindo Ghiandedoro e la quercia generosa": Gellindo ha paura che i suoi soldini, guadagnati vendendo le ghiande d'oro, possano essere rubati da qualche malvivente. E allora che cosa fare? Lo scoiattolo le proverà veramente tutte, per mettere in salvo il suo tesoretto, ma solo alla fine coprirà che al Villaggio degli Spaventapasseri c'è anche una "Cassa Rurale", una banca di credito cooperativo i cui lavora il bancario Còntolo,. E i suoi problemi saranno risolti!
5. "Gellindo Ghiandedoro in cerca di lavoro": è difficile per tutti cercare un lavoro, figuratevi uno scoiattolo che non sa far nulla se non essere generoso, pronto ad aiutare gli amici, ma anche pasticcione, confusionario e disordinato. Ma ci sarà un lavoro che va bene al nostro scoiattolo? Certo che c'è: per saperlo, però, dovete leggere tutta la quinta fiaba del libro!
6. "Gellindo Ghiandedoro e il Cugino Bollicino": Gellindo deve correre in aiuto del cuginetto Bollicino, a cui qualche malintenzionato ruba ogni notte le mele dal campo. Per risolvere il problema di Bollicino, però, lo scoiattolo avrà bisogno di tanti, tantissimi amici: grandi e piccoli, forti e deboli, tutti ma proprio tutti possiedono qualcosa di importante e di utile per la causa. Si chiama "capitale umano", questo "tesoro", che è soprattutto figlio dell'amicizia. Gellindo Ghiandedoro ormai lo ha imparato, così come l' avranno imparato tutti i bambini che avranno letto fin qui il libro "L'ECONOMIA RACCONTATA AI BAMBINI".

 

Caratteristiche tecniche del volume:
formato: cm 17 x 24
pagine: 200 più copertina
illustrato a colori
Fiabe scritte da Mauro Neri e illustrate da Fulber; schede tecniche di Silvia Vernaccini
Edizioni Cassa Centrale delle Casse Rurali - Ufficio Marketing
Il libro è disponibile presso le Casse Rurali del Trentino che aderiscono all'iniziativa "Risparmiolandia".

 

Visita la sezione speciale con tutti gli appuntamenti e le iniziative proposte al festival dell'economia 2007 dalla Cooperazione Trentina.