L’agricoltura in Trentino come strumento al servizio del territorio Mercoledì, 07 Novembre 2018

Bellezze paesaggistiche e manutenzione del territorio sono tra i valori aggiunti di un’agricoltura attenta al proprio impatto sociale e ambientale. Lo dimostrano le esperienze presentate ieri nel corso del secondo incontro organizzato dall’associazione Giovani Cooperatori Trentini su sostenibilità, biodiversità e nuovi stili di vita possibili

Sostenibilità in agricoltura significa non solo prestare attenzione all’impatto sociale e ambientale delle coltivazioni, ma anche prendersi cura di un territorio in modo da garantirne la sicurezza da un punto di vista idrogeologico e, allo stesso tempo, mantenerne la naturale bellezza. È questa la forza della scelta di tecniche di coltivazione sostenibili, come è emerso dall’incontro organizzato ieri sera dall’associazione Giovani Cooperatori Trentini nell’ambito del percorso formativo su “Sostenibilità agroalimentare: biodiversità e nuovi stili di vita possibili”.

Nel corso della serata, moderata dal presidente dell’associazione Antonio Borghetti, sono state presentate tre esperienze esemplari in questo settore, a cominciare da quella dell’Agraria di Riva del Garda. “Scegliere la strada della sostenibilità – ha spiegato il direttore Massimo Fia – ci ha permesso di garantire importanti vantaggi, anche economici, ai nostri soci. Oggi, quando giriamo per il mondo incontrando nuovi clienti, promuoviamo non solo il nostro prodotto, ma anche il territorio da cui nasce”.

“Sostenibilità significa anche saper leggere il territorio – ha aggiunto Bruno Lutterotti, presidente della Cantina di Toblino, che ha ospitato l’evento – e rispettare non solo chi ci vive, ma anche chi lo sceglie come meta delle proprie vacanze. L’agricoltura trentina non può imitare le realtà vicine perché altrimenti ha perso in partenza. Pensiamo, ad esempio, alle coltivazioni in pianura: come possiamo competere con chi ha costi di produzione molto più bassi dei nostri? Possiamo vincere solo puntando sulla qualità e sulla valorizzazione del nostro patrimonio più importante, il territorio”.

Cristian Malacarne, presidente di Deges, ha infine presentato l’attività della propria associazione impegnata nella valorizzazione di un territorio, quello delle Giudicarie esteriori, riconosciuto patrimonio dell’Unesco, e dei suoi prodotti. “Chi visita la nostra terra – ha concluso – apprezza il legame tra i prodotti agricoli e il territorio, al punto che sempre più spesso il souvenir che cerca è di tipo enogastronomico. Siamo convinti, quindi, che oggi più che mai sia necessario collegare il settore agroalimentare con quello del turismo, anche trasformando, dove possibile, le aziende agricole in luoghi di attrazione turistica”.

Probabilmente troverai di tuo interesse anche

  • Giovani Cooperatori: a scuola di sostenibilità Martedì, 30 Ottobre 2018

    "Sostenibilità agroalimentare: biodiversità e nuovi stili di vita possibili" è il titolo del nuovo percorso formativo organizzato dall'associazione Giovani Cooperatori, con il contributo della Provincia autonoma di Trento, per introdurre i giovani ai temi della sostenibilità agroalimentare, al consumo consapevole, ai possibili stili di vita per uno sviluppo sostenibile. In programma due serate dedicate all'agricoltura in Trentino e...

  • Vinitaly 2018: le novità delle cantine sociali Lunedì, 23 Aprile 2018

    Chiusa Vinitaly, rimangono i vini e le novità presentate in occasione della kermesse veronese, che quest'anno per le cantine sociali trentine sono state davvero tante. 

  • Nasce la Comunità del cibo Garda Dolomiti Giovedì, 10 Novembre 2016

    Sette prodotti che rappresentano altrettante eccellenze della cooperazione agricola trentina di Alto Garda, Giudicarie e Valle dei Laghi. “Punte” di una produzione fortemente radicata sul territorio, di cui esprime le caratteristiche, la forza e l'impegno di tanti produttori associati in cooperativa. Nasce da questi presupposti l'associazione “Comunità del cibo Garda Dolomiti” che si presenterà ufficialmente domani alla cantina di Toblino. I promotori di...

  • L'olio dell'Agraria di Riva del Garda Giovedì, 06 Ottobre 2016

    L'olio prodotto dall'Agraria di Riva del Garda, raccontato dal direttore Massimo Fia.

  • Io vado fuori | Agraria di Riva del Garda Lunedì, 14 Luglio 2014

    L'esperienza dell'Agraria di Riva del Garda raccontata dal direttore Massimo Fia

  • TCA | La cooperazione: dalla terra alla tavola - Olio extravergine Dop del Garda Mercoledì, 16 Gennaio 2013

    Agraria di Riva del Garda, olio di oliva extravergine del Garda, gli oliveti dove vengono coltivate e raccolte le olive che diventano prezioso nettare Dop – Denominazione di Origine Protetta. Non solo immagini ma anche interviste con il presidente e il direttore di Agraria Riva, Roberto Planchestainer e Massimo Fia, e l’enologo Furio Battelini. Perché, Agraria Riva, è soprattutto olio di oliva ma è anche vino e molti altri prodotti che si possono acquistare nella...