La pratica dell’alpeggio migliora il microbiota del latte Giovedì, 20 Settembre 2018

E’ quanto emerge dal progetto TrentinCla coordinato dalla Fondazione Edmund Mach e finanziato dalla Fondazione Caritro che ha analizzato 180 campioni di latte, rumine e formaggio nell’ambito attività di ricerca svolta tra Malga Juribello e i laboratori del campus di San Michele all’Adige.

La pratica dell’alpeggio migliora il microbiota di latte e formaggio in quanto consente di aumentare le specie “probiotiche” utili a mantenere in salute il nostro intestino.  E’ quanto emerge dal progetto TrentinCla coordinato dalla Fondazione Edmund Mach e finanziato dalla Fondazione Caritro che ha analizzato 180 campioni di latte, rumine e formaggio nell’ambito attività di ricerca svolta tra Malga Juribello e i laboratori del campus di San Michele all’Adige.

Il progetto è stato illustrato oggi, alla Sala della Cooperazione, nell’ambito del sesto Congresso Lattiero-Caseario “Latte e derivati: ricerca, innovazione e valorizzazione”, organizzato dall’Associazione Italiana Tecnici del Latte (Aitel), in collaborazione con la Fondazione Edmund Mach, il Concast - Consorzio dei caseifici sociali e produttori latte trentini, l’Ufficio agricoltura della Provincia Autonoma di Trento e la Federazione provinciale allevatori Trento

In apertura il Direttore generale FEM, Sergio Menapace, intervenuto con il Presidente Aitel, Andrea Summer, il direttore del Concast Trentingrana, Andrea Merz,, Luciano Negri della FIL-IDF Italia e il direttore della Fondazione CariTro, Filippo Manfredi, ha illustrato l’impegno FEM nel comparto lattiero-caseario. “Per la Fondazione Mach -  ha sottolineato Sergio Menapace – è fondamentale la partnership con il mondo produttivo, proprio per trasferire innovazione in questo comparto attraverso le attività di formazione, ricerca e trasferimento tecnologico. FEM ha rinsaldato su questo settore la volontà di costruire nuove progettualità. In particolare, dal punto di vista del trasferimento tecnologico sono in corso attività innovative in sinergia col mondo zootecnico  e con il consorzio di difesa oltre ad una attività di supporto e consulenza”. Per citarne alcuni progetti: dalle pratiche gestionali innovative e strategie di promozione dei prodotti lattiero caseario  di alpeggio  alla valorizzazione del formaggio di malga , dal supporto alle decisioni per la gestione sostenibile della zootecnia alpina agli interventi a supporto della qualità del Trentingrana per arrivare alla tutela delle redditività delle coltivazioni prative.

TrentinCla. Lo scopo del progetto TrentinCla era valutare l’influenza dell’alpeggio sul microbiota di rumine, latte e formaggio e comprendere come questa pratica tradizionale possa aumentare il livello di produzione di acidi linoleici coniugati (CLA) nel latte. Nel corso di questo progetto sono stati analizzati due gruppi di vacche Brown Swiss, allevate in stalla: il primo gruppo è stato trasferito da luglio a settembre 2017 a Malga Juribello mentre il secondo è rimasto nella stalla permanente a valle. Ogni mese, da giugno a ottobre, sono stati prelevati campioni di latte e rumine individuale per un totale di 120 campioni, e sono stati prodotti in laboratorio all’università di Padova 60 formaggelle.

Dal progetto è emerso un quadro dell’ecologia microbica del latteinfluenzato in maniera positiva dall’alpeggio. Infatti, si è visto che durante l’alpeggio il latte è caratterizzato da una flora costituita principalmente da batteri desiderati per le loro buone proprietà tecnologiche casearie; inoltre erano presenti molte specie batteriche note come probiotiche che potrebbero avere interessanti proprietà salutistiche, tra cui la capacità di produrre CLA (acido linoleico coniugato) e la stimolazione del sistema immunitario. In particolare alcune di queste specie riuscivano a sopravvivere al processo di caseificazione e venivano ritrovate anche nel formaggio dopo 3 mesi di stagionatura. Quindi la pratica dell’alpeggio è da valorizzare e tutelare poiché permette di ottenere una materia prima di qualità che può mantenere le sue prerogative anche dopo la caseificazione.

Il congresso,  cofinanziato dal progetto europeo MassTwin, si è articolato in tre sessioni: produzione e qualità del latte, trasformazione e tecnologia lattiero-casearia, valorizzazione dei prodotti lattiero-caseari. Per FEM è intervenuta  anche Federica Camin  sul tema della tracciabilità e la difesa dei formaggi DOP nazionali.  FEM infatti a partire dal 2010 sta sviluppando modelli statistici utilizzabili per determinare l'autenticità di alimenti DOP e IGP. Questo modelli sono basati sull'analisi del profilo minerale e dei rapporti tra isotopi stabili di bioelementi, tecnologia all'avanguardia per la quale FEM rappresenta un riferimento a livello nazionale.

Fonte: Ufficio stampa FEM

Probabilmente troverai di tuo interesse anche

  • Lupi e orsi, una minaccia per gli alpeggi Mercoledì, 29 Agosto 2018

    Sono in aumento in Trentino gli episodi di predazione di bovini e ovini da parte dei grandi carnivori. In un incontro promosso dalla Federazione Allevatori con le organizzazioni sindacali agricole e la delegazione dei parlamentari trentini, sollecitato l'intervento della politica locale e nazionale.

  • Di Comune in Comune - puntata 7 Lunedì, 05 Marzo 2018

    Territorio: Comune di Ville d'AnauniaCooperative: Cocea, Trentingrana

  • Esperienze di cooperazione - Cosa è un consorzio agricolo Lunedì, 04 Dicembre 2017

    In questa puntata intervengono: Luca Rigotti vicepresidente per il settore agricolo e Michele Girardi responsabile settore agricolo della Federazione, Andrea Merz, direttore Concast Trentingrana (formaggi), Enrico Zanoni, direttore Cavit (vino) e Paolo Gerevini, direttore Melinda (frutta).

  • Comunicazione e sensibilizzazione Venerdì, 07 Ottobre 2016

    Porre attenzione alla logica della comunicazione e sensibilizzare sui prodotti e sulle loro origini è una prerogativa di molte realtà presenti sul territorio trentino. I media in questo hanno una grande responsabilità, un'attenzione che deve mirare a mettere in luce le peculiarità che nel mondo cooperativo trovano la loro forza e i loro valori.Interviste a Gabriele Webber, responsabile Gruppo Formaggi del Trentino, e Diego Coller, direttore Astro.

  • Il Trentingrana Giovedì, 06 Ottobre 2016

    Il Trentingrana raccontato da Andrea Merz (direttore Trentingrana), Andrea Gosli (servizi tecnici Trentingrana) e Paolo Ianes (presidente Latteria Sociale di Castelfondo).

  • Sostenibilità ambientale Mercoledì, 05 Ottobre 2016

  • Federazione Allevatori: bilancio di un anno difficile per latte e carne Venerdì, 06 Maggio 2016

    Non ha avuto compito facile Mauro Fezzi, alla sua prima assemblea da presidente, nel presentare all'affollata assemblea della Federazione Allevatori i risultati di un'annata tormentata. Nel 2015 i consumi di carne sono diminuiti del 7-8 per cento, mentre il prezzo del latte è calato in alcune situazioni a 30 centesimi al litro, un livello che non permette di coprire nemmeno i costi di produzione.

  • Io vado fuori | Federazione provinciale allevatori Lunedì, 14 Luglio 2014

    L'esperienza della Federazione provinciale allevatori raccontata dal direttore Claudio Valorz e dal presidente Silvano Rauzi

  • Io vado fuori | Trentingrana Giovedì, 10 Luglio 2014

    L'esperienza di Trentingrana-Consorzio dei caseifici sociali trentini raccontata dal direttore Andrea Merz e dal responsabile commerciale Gabriele Webber

  • Mondo cooperativo 2014 - puntata 1 Lunedì, 30 Giugno 2014

    Nella prima puntata di "Mondo cooperativo": l'inaugurazione del nuovo negozio a Trento di Mandacarù, la sperimentazione in collaborazione con la Federazione delle scuole materne dell'I-Theatre creato dalla cooperativa Computer Learning, le nuove inaugurazione della cooperazione di consumo a Carano (Famiglia Cooperativa di Cavalese) e Strigno (Famiglia Cooperativa Valsugana) e il vademecum sulla cooperazione (Perchè costituire una cooperativa?). In chiusura lo chef Cristian Bertol mostra...