Phoenix e Ibt, le aziende informatiche che fanno “girare” le banche Giovedì, 31 Maggio 2018

“In questo viaggio tra i centri di formazione e le aziende digitali abbiamo scoperto eccellenze straordinarie. Tutti i nostri interlocutori hanno auspicato che la politica aiuti il settore a fare sistema e a farsi conoscere in Trentino e nel mondo”. Così il sindaco Alessandro Andreatta, giunto alla sesta tappa del suo tour nel  mondo dell'Ict: stavolta le protagoniste sono due aziende – Phoenix e Ibt – leader in Italia per quanto riguarda i servizi bancari e attori fondamentali in quell'operazione che, dal 2019, farà diventare Cassa Centrale Banca capo dell'ottavo gruppo bancario italiano. 

La storia di Ibt ha qualcosa di mitico, anche se il direttore tecnico Stefano Bonomini e il direttore commerciale Gianni Raineri giurano che si tratta di una vicenda reale: “Tutto nasce nel 1983, da un problema alla Cassa Rurale di Cadine che, a causa di un guasto informatico, ha tutte le operazioni bloccate – racconta Raineri, siciliano trapiantato a Trento ormai da decenni - Il direttore chiede aiuto a un amico, professore di matematica: è Maurizio Passerotti che, in una notte, non solo risolve il problema ma crea l'embrione del software Gesbank, lo stesso commercializzato oggi. Con l'aiuto di alcuni professionisti, Passerotti fonda Ibt e comincia a vendere il suo software prima alle Casse rurali, poi alle piccole Casse di risparmio e infine anche a banche estere. Il prodotto all'inizio veniva denigrato per la sua semplicità e perché era molto meno caro dei concorrenti sul mercato: poi è stato apprezzato proprio per questo”.

Nel 2003 Ibt entra nella cooperazione tramite Cassa centrale e, con i suoi 40 dipendenti, produce 6 milioni di fatturato. Nel 2017 i dipendenti sono diventati 130, il fatturato è salito a 15 milioni. “Siamo andati in controtendenza rispetto al mercato – continua Raineri – La crisi delle banche noi l'abbiamo vissuta bene, i clienti sono aumentati”.

Fiore all'occhiello di Ibt è il progetto di alternanza scuola-lavoro con l'Ite Tambosi Battisti: “Abbiamo visto che l'inserimento in azienda era poco produttivo per i ragazzi. Abbiamo preferito prendere un paio di classi e dar loro delle commesse: devono creare un team, rispettare le scadenze, trovare soluzioni. Per noi hanno creato un software per monitorare le presenze all'interno dell'azienda e un altro per gestire le scadenze e i rinnovi dei contratti. Alcuni ragazzi particolarmente brillanti li abbiamo anche assunti”. Stretti anche i rapporti con l'università, in particolare con il professor Massimiliano Sala, docente di matematica che si occupa anche di cyber security.

Due sono le proposte che Ibt lancia al mondo della politica: “Creare un database delle competenze trentine, perché se ad un'azienda serve personale è meglio trovarlo a Trento che andare in cerca a Milano”. La seconda proposta: “Noi abbiamo sempre bisogno della ricerca per migliorare, ricerca matematica, informatica, ma anche economica. Se l'università creasse un laboratorio aperto, a cui le aziende possono rivolgersi per portare idee da sviluppare e problemi da risolvere, forse riusciremmo a pensare qualcosa di nuovo e di strategico, capace di far crescere sia le competenze di studenti e ricercatori sia il tessuto imprenditoriale”.

Anche il gigante Phoenix – quasi 90 milioni di euro di fatturato, 17,4 milioni di utili, una cifra analoga in investimenti in ricerca e sviluppo – è un'impresa trentina doc: “Siamo nati come piccola cooperativa negli anni Settanta – racconta al sindaco il vicedirettore Ivan Moser – Da metà degli anni Novanta c'è stata l'espansione nel mercato extraprovinciale: dà lì è partita la crescita successiva fino ad arrivare, nel 2001, alla nascita di Phoenix, che da dicembre fa parte parte del gruppo Cassa centrale, di cui è società di riferimento per l'innovazione tecnologica, anche se si continua anche a guardare anche a banche fuori dal gruppo”.

Nonostante i suoi 200 dipendenti (età media: 40 anni), Phoenix è sempre alla ricerca di nuove figure: “L'età media dei neoassunti è di 26 anni – spiega il vicedirettore Manuele Margini – Il che significa che di solito prendiamo neolaureati, per lo più dall'università di Trento, facoltà di Fisica, Matematica, Ingegneria, ma anche  Economia e Giurisprudenza. Facciamo noi la selezione del personale e non è sempre facile trovare i profili giusti”. Infatti, continua Moser, “quando prendiamo gli elenchi di Almalaurea, scegliamo i laureati migliori e li contattiamo, alla fine non solo molte le persone disponibili. Purtroppo c'è un solco tra il mondo universitario e quello del lavoro. I giovani non si rendono conto che da noi ci sono molte possibilità di crescita,  siamo un'azienda meritocratica, qui capita che il responsabile di un ufficio abbia 30 anni. E nessuno si licenzia”.

Phoenix offre alle banche un pacchetto completo di servizi che, in ordine sparso e non esaustivo, vanno dal software gestionale Sib2000 all'Inbank, ai bancomat, a una app (il varo è prossimo) per il trading on line. 12 mila operatori bancari lavorano su sistemi Phoenix, quasi un milione di clienti usa l'Inbank, 2600 Atm e 64 Pos in bar e negozi in Italia sono collegati a Trento. E se tutto il sistema saltasse a causa di una qualche calamità? C'è il Disaster recovery a Milano, che duplica in modo speculare il Ced di Trento. Tempo quattro ore e tutto il sistema riparte. E' proprio la sicurezza il settore forse più strategico di un'azienda come la Phoenix. “Ormai siamo passati dalla sicurezza fisica alla sicurezza informatica – spiegano Moser e Margini – Solo i disperati fanno rapine in banca, i veri criminali rubano sul web. Per questo stiamo investendo tantissimo in sistemi antimalware. Abbiamo anche dei consulenti esterni che paghiamo perché provino a violare le nostre reti: loro ci segnalano i possibili punti di debolezza, in modo da migliorare continuamente il sistema. Per esperienza sappiamo però che l'anello debole è il cliente finale: se lui non si accorge di avere un virus nel computer, i suoi dati e i suoi soldi possono essere alla mercé degli hacker e delle organizzazioni criminali”.

Come mai nell'orbita della cooperazione bancaria trentina convivono due aziende  molto simili come Phoenix e Ibt? “Sono nate in modo indipendente, hanno storie diverse – spiega Margini – Già ora collaboriamo e non è escluso che in futuro si possa andare  verso l'integrazione”.

Fonte: Ufficio Stampa Comune di Trento

Probabilmente troverai di tuo interesse anche

  • ScuoLAvoro Coop - puntata 9 Mercoledì, 20 Settembre 2017

    La Cfs "CIFS - Cooperativa Informatici Senza Frontiere" costituita dalle ragazze e dai ragazzi della 3 C Informatica dell'Istituto tecnico Buonarroti-Pozzo, che hanno approfondito la conoscenza della cooperazione con Cassa Rurale di Trento e avviato un progetto in collaborazione con Ibt

  • La sicurezza dell'internet banking Lunedì, 10 Ottobre 2016

    Giuseppe Roner, di Phoenix Informatica Bancaria, spiega la sicurezza dell'internet banking.

  • Phoenix Informatica Bancaria - assemblea 2015 Martedì, 12 Maggio 2015

    Luigi Cristoforetti, presidente di Phoenix Informatica Bancaria, commenta il bilancio e le prospettive future della software house del credito cooperativo trentino in occasione dell'assemblea 2015

  • Phoenix Informatica Bancaria - assemblea 2015 Martedì, 12 Maggio 2015

    Luigi Cristoforetti, presidente di Phoenix Informatica Bancaria, commenta il bilancio e le prospettive future della software house del credito cooperativo trentino in occasione dell'assemblea 2015

  • Al Tambosi nuovi programmatori con Ibt e Gpi Mercoledì, 14 Gennaio 2015

    Saranno gli studenti dell'istituto “Tambosi-Battisti” di Trento a programmare alcuni dei software di Ibt e Gruppo Gpi. O almeno ne seguiranno una parte della realizzazione come previsto dal progetto di collaborazione tra scuola e mondo del lavoro presentato stamani, che vede coinvolte le due aziende e l'indirizzo per ragionieri programmatori dell'istituto scolastico. Interviste a: Marina Poian, dirigente scolastica Tambosi Battisti di Trento Giovanni Raineri, responsabile area commerciale...

  • Phoenix: arriva la banca multicanale Giovedì, 26 Giugno 2014

    Il bilancio 2013 è per Phoenix Informatica Bancaria il migliore di sempre. Presentato un progetto che guarda al futuro: la banca multicanale INTERVISTA A  Alessio Bonetti, responsabile ufficio Virtual Banking di Phoenix

  • Mondo cooperativo - puntata 4 Martedì, 08 Ottobre 2013

    In questa puntata: elezioni provinciali: alcune idee della cooperazione per un Trentino miglior dall'unione di tre cooperative nasce Ecoopera Lo chef Achille Leonardelli questa settimana è andato a fare la spesa nel Lomaso alla Copag e con le patate propone la crema di patate

  • Le cooperative dell'innovazione agli ICT Days 2013 Martedì, 02 Aprile 2013

    Le 16 società dell'ICT del movimento cooperativo trentino si sono presentate unite sotto un unico stand agli universitari che hanno partecipato a “Placement: pensare al lavoro”, appuntamento organizzato nell'ambito degli ICT Days 2013 come occasione di incontro tra aziende e studenti. Per le prime, un'opportunità di trovare capitale umano con adeguata formazione; per i secondi la possibilità di intraprendere un'esperienza di stage o di lavoro, iniziando dal momento più importante: il...

  • TCA | Focus - puntata del 7 dicembre 2006 Mercoledì, 30 Gennaio 2013

    In questa puntata: Trento capitale della CooperazionePer la prima volta in Italia si è riunito l'Ica board. Intervista a Ivano Barberini Le cooperative alla prova della globalizzazioneL'economista Jean Paul Fitoussi, invitato dalla Cassa Rurale Giudicarie Valsabbia Paganella. parla di futuro e cooperazione Trento e Bolzano alleate per la melaL'annuale convengo organizzato a Taio dalla Cassa Rurale d'Anaunia in collaborazione con Apot e Cocea ha approfondito il tema delle alleanze...