Produzione di mele e situazione di mercato per la stagione 2018/2019 Giovedì, 24 Gennaio 2019

Assomela ha analizzato i dati di produzione definitivi e l’andamento del mercato nella prima parte della stagione.

Si parla di:

La produzione

Ad inizio dicembre la produzione è ormai definitiva, il raccolto consuntivo è leggermente superiore a quanto stimato in agosto (2.264.081 contro 2.199.526), ma la quantità di mele a disposizione per il mercato fresco si ferma a 1.954.736 tonnellate, cifra inferiore alla media degli anni precedenti.  

Si ritorna dunque ad una produzione regolare per l’Italia, dopo quella anomala dello scorso anno, con una quota destinata alla trasformazione di circa il 14% (invece del fisiologico 10-12%), dal momento che alcune aree sono state colpite da forti grandinate o dagli effetti della siccità.

Dal punto di vista regionale, l’Alto Adige fa registrare una produzione inferiore alla media, mentre per il Trentino il raccolto è particolarmente importante. Cresce in maniera evidente la produzione del Piemonte, dove i meleti hanno sostituito negli ultimi anni impianti di kiwi e drupacee.

Dal punto di vista varietale si registra un calo o una stabilità delle varietà tradizionali (Golden e Fuji), ed un aumento deciso delle nuove varietà che sfiorano le 150.000 tonnellate.

In generale, la qualità dei frutti in termini di gusto, calibro e colorazione è molto buona. 

La produzione europea, fermo restando “l’incognita Polonia”, per la quale risulta molto difficile avere a disposizione dati certi, dovrebbe essere di poco superiore alle 13 milioni di ton. I dati definitivi saranno comunicati da WAPA a febbraio congiuntamente a quelli di previsione per i paesi dell’Emisfero Sud.

Le giacenze

Al 1° gennaio 2019 le giacenze di mele in Italia ammontavano a 1.328.850 tonnellate, in linea con la media delle annate precedenti, con un decumulo regolare che porta le vendite ad un totale dall’inizio della stagione di 625.886 ton.  Si evidenzia anche in questa annata un buon trend delle varietà più recenti, mentre le varietà più tradizionali incontrano più difficoltà a mantenere le tradizionali quote di mercato.

Tendenze e prospettive.

Fin dall’inizio della stagione, l’annuncio di una produzione tra le più alte di sempre ha condizionato le quotazioni, con la presenza di mele polacche nel mercato europeo ad un costo decisamente competitivo.

Le vendite sono state abbastanza regolari, ma i prezzi hanno risentito di una offerta elevata non solo in Italia, ma anche all’estero, dove la competizione degli altri produttori europei si fa sentire.

In Italia, che piò vantare una produzione di qualità e una ampia gamma di varietà, sarebbero opportune almeno due azioni: privilegiare l’acquisto di prodotto di origine nazionale e negoziare con più convinzione l’apertura di nuovi mercati, in particolare con una azione più convinta da parte delle autorità ministeriali – cosa che i produttori di mele, così come altri, ripetono inascoltati ormai da anni. Dalla chiusura del mercato russo nessun nuovo mercato è stato aperto alle mele italiane ed i mercati nordafricani, diventati negli anni fondamentali, presentano, per varie ragioni, condizioni difficili che impediscono il raggiungimento dei volumi storici. Sebbene gli operatori abbiano lavorato con impegno alla creazione di nuovi sbocchi commerciali – vedi Vietnam, Taiwan e Thailandia – tutto è ancora fermo senza destare particolare preoccupazione da parte delle autorità competenti.

Il settore resta peraltro abbastanza fiducioso, sia per un quadro produttivo nazionale migliore rispetto ad altri paesi, sia per una qualità del prodotto italiano soddisfacente, che unitamente alla professionalità delle organizzazioni di produttori aiuterà ad affrontare i mesi venire.

 

Assomela s.c. è il Consorzio delle Organizzazioni di Produttori di mele italiani che rappresenta l’80% della produzione melicola nazionale, a cui si associano le OP VOG (Marlene), VIP, VOG Products e il Consorzio FROM della Provincia di Bolzano, Melinda, “la Trentina” e Mezzacorona della Provincia di Trento, Nord Est della Regione Veneto, Melapiù della Regione Emilia Romagna, Rivoira e Lagnasco della Regione Piemonte, Friulfruct del Friuli Venezia Giulia e Melavì della Regione Lombardia.

Fonte: Assomela

Probabilmente troverai di tuo interesse anche

  • Mele sostenibili sui banchi d'università Lunedì, 24 Novembre 2014

    Sono uno dei frutti che, dalla raccolta alla vendita, producono meno anidride carbonica. Parliamo delle mele, la cui impronta carbonica, vale a dire la quantità di emissioni, è comunque ancora migliorabile. Lo dice lo studio realizzato in collaborazione con Assomela e presentato oggi alla Libera Università di Bolzano. Magnani e Dalpiaz: “Risultati che applicheremo alla pratica per migliorarci”. Il prof Tagliavini: “I produttori dovranno usare energie rinnovabili, ma servirà anche...

  • 6000 mele alla conquista di Bruxelles e di nuovi mercati Lunedì, 24 Novembre 2014

    6000 mele Dop e Igp, dal Trentino e dall'Alto Adige, alla conquista di Bruxelles, sui banchi del Consiglio Agri. E in cerca di nuovi mercati. Interviste a: Maurizio Martina, ministro Agricoltura Alessia Mosca, europarlamentare

  • Bruxelles, le mele e i nuovi mercati Giovedì, 13 Novembre 2014

    Oltre al Nord Africa dove sono già protagoniste, Oriente e Nordamerica sono tra le prossime mete per le mele regionali. Ma dai negoziati in corso nell'Unione europea si aprono buone prospettive per Canada, Giappone, Vietnam e Singapore. Da "aggredire" puntando su qualità e territorio.Tra le priorità, salvaguardare Dop e Igp negli accordi con gli Stati Uniti.L'europarlamentare Alessia Mosca (Commissione commercio internazionale) ai produttori trentini e altoatesini: "il Canada...

  • Bruxelles, Varesco: "Insieme si vince" Giovedì, 13 Novembre 2014

    "L'unione fa la forza". Parola di Franz Varesco, presidente della Cooperativa Vog, a Bruxelles con le 6mila mele trentine e altoatesine per il Consiglio dei Ministri Agri. Impressioni sull'incontro con il Ministro Martina e con Alessia Mosca della Commissione Commercio Internazionale del Parlamento Europeo

  • Bruxelles, Odorizzi: "Innovazione per il futuro" Giovedì, 13 Novembre 2014

    Per Michele Odorizzi, presidente di Melinda, a Bruxelles con le 6mila mele trentine e altoatesine per il Consiglio dei Ministri Agri, la sfida del futuro è quella dell'innovazione. Sui mercati, ma anche nel prodotto per quel che riguarda le varietà.

  • Bruxelles, Magnani: "Il governo ci supporti" Giovedì, 13 Novembre 2014

    "Un aiuto nell'internazionalizzazione sarebbe stato utile. In ogni caso, dobbiamo salvare Dop e Igp, garanzia di qualità". Ennio Magnani, presidente di Apot e Assomela, a Bruxelles con le 6mila mele trentine e altoatesine per il Consiglio dei Ministri Agri.

  • Bruxelles, Dorfmann: "Salviamo Dop e Igp sul mercato globale" Giovedì, 13 Novembre 2014

    "Difendere Dop e Igp a livello globale è fondamentale" ha detto Herbert Dorfmann, europarlamentare e membro della Commissione per l'Agricoltura e lo Sviluppo Rurale, a Bruxelles con le 6mila mele trentine e altoatesine per il Consiglio dei Ministri Agri.

  • Bruxelles, Koessler: "Le nostre mele sono andate a ruba" Giovedì, 13 Novembre 2014

    "Abbiamo fatto bene...oltre a fare bella figura. Le mele sono andate a ruba ed è stata un'ottima occasione". Lo ha detto Gorg Koessler, presidente di Marlene, a Bruxelles con le 6mila mele trentine e altoatesine per il Consiglio dei Ministri Agri.

  • Bruxelles, Dietl: "Scopriamo nuovi mercati" Giovedì, 13 Novembre 2014

    "Un'ottima occasione per comprendere quali siano i nuovi mercati. Oltre agli Stati Uniti, l'India". Così Karl Dietl di Assomela, a Bruxelles con le 6mila mele trentine e altoatesine per il Consiglio dei Ministri Agri.

  • Bruxelles, le mele e il ministro Martina Mercoledì, 12 Novembre 2014

    Seimila confezioni di mele sui banchi del consiglio europeo agricoltura, durante il vertice dei ministri comunitari che si tiene oggi e domani nella capitale europea. Una iniziativa che mette in mostra l'eccellenza della produzione frutticola regionale e il valore di un territorio e una economia cooperativa. I complimenti del presidente di turno, il ministro italiano Maurizio Martina: “una iniziativa che ha fatto fare bella figura all'Italia”.