"Ripartire con giudizio, ma ripartire". Oggi il team Economia della Pat ha incontrato il Terzo settore Venerdì, 10 Aprile 2020

I rappresentanti del Terzo Settore hanno partecipato oggi ad una delle video conferenze tenute dalla "task force" provinciale sul futuro dell'economia e coordinata dall'assessore Achille Spinelli. Precedentemente il team, moderato dal prof. Enrico Zaninotto e dal dirigente della Provincia Giovanni Gardelli, aveva incontrato sindacati ed enti locali.

“Oggi sono emersi stimoli importanti – ha sottolineato l’assessore Spinelli al termine degli incontri – in primo luogo, dobbiamo unire le forze e immaginare assieme un futuro diverso. 

Fra i tanti spunti emersi: l'importanza dello smart-working e conseguenti investimenti nell’infrastrutturazione digitale e nella formazione, difesa dei soggetti deboli sul mercato del lavoro, anche rivedendo strumenti ‘maturi’ come il Progettone, uso della leva dei lavori pubblici, velocizzazione delle pratiche della pubblica amministrazione e sburocratizzazione. 

“Non perdere lavoro è un obiettivo fondamentale – ha detto Zaninotto in premessa –perché conservare lavoro significa ridurre l’incidenza di misure per il sostegno al reddito, ma anche conservare le competenze”.

Altri due elementi da considerare, per il loro impatto “trasversale” su tutti gli altri, sono la necessità di snellire e velocizzare le pratiche burocratico-amministrative e parallelamente stabilire delle priorità nello schema degli interventi futuri, a fronte di risorse che saranno comunque scarse.

Le sfide del terzo settore

L'incontro con i rappresentanti del terzo settore, introdotto dal professor Zaninotto, ha visto fra gli altri la partecipazione del vicepresidente della Provincia Tonina, che ha sottolineato l’importanza del protocollo di collaborazione siglato nei mesi scorsi con la Cooperazione trentina, che potrebbe essere ulteriormente rafforzato.

Tonina si è detto fiducioso che il Trentino ce la possa fare, sia grazie alla sua storia fatta di autonomia e di cooperazione, che attraverso il confronto e la collaborazione dei soggetti direttamente interessati e della comunità.

Al terzo settore, ha detto, va riconosciuta centralità in ambito economico, anche per scongiurare il pericolo che siano esclusi dalla ripartenza i soggetti più deboli.

Fra gli interventi dei rappresentanti del mondo delle associazioni e del non-profit, ma anche degli esperti e dei docenti che si sono confrontati con questa realtà complessa e sfaccettata, quelli di Michele Odorizzi (Kaleidoscopio, Cooperazione Salute) che ha posto l’accento sulla liquidità delle imprese e sulla necessità di pensare a nuove modalità di lavoro in un ambito in cui l’aspetto relazionale è molto importante, e di Serenella Cipriani (Consolida) che ha evidenziato il ruolo del terzo settore in ambito scolastico, per il supporto alle persone più fragili in ambito di bisogni educativi speciali.

Paolo Fellin (Vales) ha ricordato il problema dei lavoratori che non possono ripartire perché i cantieri sono chiusi, suggerendo anche di valorizzare strumenti come il telesoccorso e il telecontrollo, per presidiare da remoto utenti che sono a domicilio.

Luciano Enderle (Anffas) ha espresso preoccupazione per la possibilità che si passi da un’emergenza sanitaria ad una sociale, mentre Walter Viola ha messo al primo posto la necessità di far tornare il Trentino a lavorare a pieno regime, evidenziando inoltre come si assista a segnali di welfare generativo molto forti.

Massimo Occello (Fai, Consulta Salute) ha esaminato i temi più attuali in campo normativo (affidamenti non competitivi, coprogettazione e aiuti di Stato), mentre il direttore della Federazione Alessandro Ceschi ha sollecitato coordinamento, orientamento e omogeneità per avere servizi gestiti in modo coordinato.

Roberto Poli ha posto l’accento sul fatto che questo periodo offre la possibilità di fare sperimentazione e mettere in moto decisioni per prepararsi al dopo, mentre Luca Erzegovesi ha proposto di pensare anche a nuove fonti di found raising.

Il professor Salomone ha evidenziato l’importanza di individuare le priorità e i target, con attenzione anche ai soggetti esclusi dalla protezione, sapendo che alle priorità si legano le risorse.

Mario Calderini infine ha posto l’accento sui temi dell’organizzazione del terzo settore e della sua centralità nelle politiche di ripartenza economica.

[estratto da comunicato stampa Pat - mp]

Probabilmente troverai di tuo interesse anche

  • Il biodistretto cooperativo a Trento sud Mercoledì, 19 Febbraio 2020

    L'Ati con Sft, Cantina Trento, Con.Solida e Tuttoverde si è aggiudicata il bando di gestione per i prossimi 15 anni dei 56 ettari di terreno della Fondazione Crosina Sartori Cloch, dove si coltiveranno mele bio ma anche asparagi, pere e progetti di inclusione sociale. E sarà realizzato un agricampeggio.

  • Un Manifesto per comunicare la disabilità Mercoledì, 13 Novembre 2019

    Studi internazionali dimostrano che spesso l'emarginazione delle persone con disabilità non è determinata dalla menomazione, ma dallo sguardo che posiamo su di loro, a livello individuale e collettivo. Uno sguardo alimentato dalla narrazione mediatica che oscilla ancora tra l'occultamento e il pietismo, ma anche dalla rappresentazione di chi con la disabilità convive quotidianamente, come le famiglie e gli operatori.Sul tema Consolida, con l'Ordine dei giornalisti del Trentino Alto –...

  • La Cooperazione Trentina agli Stati generali della montagna Martedì, 02 Luglio 2019

    La Cooperazione Trentina e l'associazione Giovani cooperatori trentini hanno partecipato all'evento di chiusura degli Stati generali della montagna, portando il loro contributo per l'elaborazione di un piano di proposte strategiche per la valorizzazione del territorio montano.

  • Il progetto INNO-WISEs Mercoledì, 26 Giugno 2019

    L'attività di alcune cooperative sociali trentine, che nei prossimi mesi parteciperanno alla fase di test della piattaforma ICT per le WISEs (Work Integration Social Enterprises – Cooperative di inserimento lavorativo) progettata dai partner del progetto INNO-WISEs, nel video realizzato dalla cooperativa sociale Relè.Il progetto è finanziato dal programma INTERREG Central Europe e la Federazione Trentina della Cooperazione ne...

  • Riscoperti i giochi di una volta per gli ospiti della Casa di riposo Martedì, 25 Giugno 2019

    Le studentesse della quarta A dell' Istituto di Istruzione Marie Curie di Pergine, indirizzo in scienze umane, hanno ricreato in classe, sotto la guida degli ospiti del Centro diurno della Casa di riposo di Povo, alcuni giochi di una volta, che hanno adattato alle capacità fisiche attuali degli anziani. Il lavoro è stato presentato dalle studentesse all'interno dell'Alzheimer Fest di Povo. Una valida psicomotricità - hanno appreso le studentesse - consente agli...

  • Cooperazione Trentina, un sistema per fare la differenza Venerdì, 07 Giugno 2019

    In apertura della parte pubblica della 124^ assemblea della Federazione Trentina della Cooperazione (2019) è stato proiettato un filmato con i dati dei diversi settori del movimento cooperativo trentino e le brevi testimonianze dei cooperatori in risposta alla domanda: "E per te, qual è la prima cosa su cui lavorare?"

  • Premiate le classi del concorso scolastico “Custodi di parole” Giovedì, 30 Maggio 2019

    All'iniziativa hanno aderito 30 classi della scuola primaria e della scuola secondaria di primo e secondo grado, per un totale di oltre 520 studenti, che si sono impegnati nella realizzazione di vari materiali: video, dvd, lapbook, blog, cartelloni, dispense, powerpoint.Gli allievi della II C delle medie di Coredo hanno realizzato uno “scrigno della libertà”. Nel video il loro racconto, nelle parole di Martina e Manuel, e la testimonianza di Alessia Dobre della III LEB del Liceo "Fabio...

  • Con etika un risparmio di 1 milione 750 mila euro in bolletta Giovedì, 04 Aprile 2019

    Le 42 mila famiglie trentine che hanno scelto etika, l'offerta luce e gas della Cooperazione Trentina e Dolomiti Energia, hanno risparmiato complessivamente 1 milione e 750 mila euro in bolletta. Di più: hanno aiutato circa 40 persone con disabilità a sperimentare soluzioni abitative autonome e hanno inoltre salvaguardato l'ambiente trentino, con 14.700 tonnellate di anidride carbonica risparmiate, grazie all'utilizzo di energia green certificata.Questi alcuni dei dati dal...

  • L'ufficio a Bruxelles della Federazione Trentina della Cooperazione Martedì, 02 Aprile 2019

    La Federazione Trentina della Cooperazione è presente a Bruxelles con un ufficio per sostenere e promuovere il punto di vista delle cooperative trentine a livello europeo