Riscoperti i giochi di una volta per gli ospiti della Casa di riposo Venerdì, 14 Giugno 2019

Le studentesse dell’Istituto Curie di Pergine hanno ricreato in classe il gioco della polenta, la corda, la mosca cieca, le bocce che hanno adattato alle capacità fisiche attuali degli anziani. Presentato stamani il lavoro all’interno dell’Alzheimer Fest di Povo: “Una valida psicomotricità rallenta l’invecchiamento”.

Hanno studiato e adattato i giochi che facevano un tempo i loro nonni per incoraggiare gli ospiti della casa di riposo a fare movimento. Le ragazze della quarta A dell’Istituto di istruzione "Marie Curie" di Pergine, indirizzo scienze umane, sono impegnate da due anni in un progetto scolastico sulla psicomotricità nella terza età. L’attività rientra nei percorsi di alternanza scuola lavoro ed stata presentata stamani all’interno dell’Alzheimer Fest trentino a cui ha aderito anche la Casa di riposo “Margherita Grazioli” di Povo.

Le ragazze hanno individuato nella Cooperativa formativa scolastica (Cfs) lo strumento giusto per realizzare la loro esperienza. In classe hanno dato vita, dopo un lungo lavoro di preparazione che ha potuto contare sull’apporto della Federazione Trentina della Cooperazione, alla Cfs Idea, con tanto di cariche e libri sociali. Nelle Cfs gli obiettivi formativi si coniugano con la pratica di impresa; gli studenti coinvolti imparano facendo, sperimentando la cooperazione.

Le ragazze del Curie sono state affiancate in alcune fasi del loro percorso dalle addette della cooperativa sociale Amica di Canezza di Pergine, scelta come partner del progetto. Tutor della Cfs Idea è stata designata la professoressa Lorenza Pisoni, mentre referente per la coop Amica è stata Tiziana Semeraro, responsabile dell’area Terza età.

Una valida psicomotricità - hanno appreso le studentesse - consente agli anziani di mantenere le capacità attive, rallentando l’invecchiamento fisico.

Le informazioni acquisite sui libri e in incontri con esperti sono state verificate sul campo al centro diurno della “Margherita Grazioli”, dove le ragazze hanno assistito all’ora di ginnastica per apprendere i movimenti che gli anziani sono in grado di compiere. In un secondo momento gli ospiti della struttura sono stati intervistati per conoscere i giochi che facevano durante la loro infanzia: il gioco della polenta, la corda, la mosca cieca, le bocce. A scuola questi giochi sono stati ricreati e, soprattutto, adattati alle capacità fisiche attuali degli anziani.

In un pomeriggio di test di fine maggio i giochi sono stati consegnati agli ospiti del Centro diurno, che li hanno provati. È stato un successo!

Stamani le ragazze della Cfs Idea sono tornate a Povo per l’Alzheimer Fest e sono state protagoniste di un laboratorio nel quale hanno riproposto i giochi e informato la comunità sull’importanza della psicomotricità nella terza età.

“Questa esperienza - riferiscono le studentesse - ci ha aiutato a capire l’importanza del movimento per prevenire le patologie e garantire una buona salute. Abbiamo avuto un riscontro positivo da parte degli anziani che ci hanno dimostrato grande affetto e riconoscenza”.

Probabilmente troverai di tuo interesse anche

  • La Cooperazione Trentina agli Stati generali della montagna Martedì, 02 Luglio 2019

    La Cooperazione Trentina e l'associazione Giovani cooperatori trentini hanno partecipato all'evento di chiusura degli Stati generali della montagna, portando il loro contributo per l'elaborazione di un piano di proposte strategiche per la valorizzazione del territorio montano.

  • Riscoperti i giochi di una volta per gli ospiti della Casa di riposo Martedì, 25 Giugno 2019

    Le studentesse della quarta A dell' Istituto di Istruzione Marie Curie di Pergine, indirizzo in scienze umane, hanno ricreato in classe, sotto la guida degli ospiti del Centro diurno della Casa di riposo di Povo, alcuni giochi di una volta, che hanno adattato alle capacità fisiche attuali degli anziani. Il lavoro è stato presentato dalle studentesse all'interno dell'Alzheimer Fest di Povo. Una valida psicomotricità - hanno appreso le studentesse - consente agli...

  • Cooperazione Trentina, un sistema per fare la differenza Venerdì, 07 Giugno 2019

    In apertura della parte pubblica della 124^ assemblea della Federazione Trentina della Cooperazione (2019) è stato proiettato un filmato con i dati dei diversi settori del movimento cooperativo trentino e le brevi testimonianze dei cooperatori in risposta alla domanda: "E per te, qual è la prima cosa su cui lavorare?"

  • Premiate le classi del concorso scolastico “Custodi di parole” Giovedì, 30 Maggio 2019

    All'iniziativa hanno aderito 30 classi della scuola primaria e della scuola secondaria di primo e secondo grado, per un totale di oltre 520 studenti, che si sono impegnati nella realizzazione di vari materiali: video, dvd, lapbook, blog, cartelloni, dispense, powerpoint.Gli allievi della II C delle medie di Coredo hanno realizzato uno “scrigno della libertà”. Nel video il loro racconto, nelle parole di Martina e Manuel, e la testimonianza di Alessia Dobre della III LEB del Liceo "Fabio...

  • Con etika un risparmio di 1 milione 750 mila euro in bolletta Giovedì, 04 Aprile 2019

    Le 42 mila famiglie trentine che hanno scelto etika, l'offerta luce e gas della Cooperazione Trentina e Dolomiti Energia, hanno risparmiato complessivamente 1 milione e 750 mila euro in bolletta. Di più: hanno aiutato circa 40 persone con disabilità a sperimentare soluzioni abitative autonome e hanno inoltre salvaguardato l'ambiente trentino, con 14.700 tonnellate di anidride carbonica risparmiate, grazie all'utilizzo di energia green certificata.Questi alcuni dei dati dal...

  • L'ufficio a Bruxelles della Federazione Trentina della Cooperazione Martedì, 02 Aprile 2019

    La Federazione Trentina della Cooperazione è presente a Bruxelles con un ufficio per sostenere e promuovere il punto di vista delle cooperative trentine a livello europeo

  • Il video dell'udienza Lunedì, 25 Marzo 2019

    Hanno partecipato all'incontro con Francesco, sabato 16 marzo, in Aula Paolo VI, 252 cooperatori in rappresentanza di oltre 50 cooperative trentine.

  • L'esterometro Venerdì, 22 Febbraio 2019

  • Uscito il bando della prima edizione della borsa di studio Katia Tenni Mercoledì, 30 Gennaio 2019

    La Federazione Trentina della Cooperazione ha istituito una borsa di studio, del valore complessivo di 15 mila euro, da destinare a “Un progetto di intercooperazione territoriale che stimoli l'innovazione e veda protagonisti giovani cooperatori e cooperatrici”. L'iniziativa è intitolata alla memoria della dott.ssa Katia Tenni, stimata professionista impegnata negli organi di controllo di numerose cooperative trentine e nel collegio sindacale della...