Sant'Orsola, volano le esportazioni Lunedì, 16 Settembre 2013

La Cooperativa leader in Italia nella produzione e commercializzazione di piccoli frutti, fragole e ciliegie tardive punta sull’internazionalizzazione. All’interno dell’ufficio commerciale è stata dedicata una sezione apposita che si occupa appieno delle attività di esportazione.

A fronte di uno scenario mondiale e nazionale caratterizzato da un generale rallentamento dell’economia e da una conseguente flessione del potere di acquisto e dei consumi, il settore “piccoli frutti” registra una tendenza inversa. Le caratteristiche di salubrità e la praticità di consumo di questi prodotti, riconosciute ad apprezzate dai consumatori,  fanno sì che la domanda si attesti su buoni livelli.

La strategia commerciale adottata è volta a rafforzare la presenza sui mercati internazionali, con una attenzione particolare a quelli emergenti.I numeri parlano chiaro: diversificare i mercati è fondamentale per valorizzare i prodotti conferiti dai quasi 1200 soci che fanno parte della Sant’Orsola, realtà leader in Italia nella produzione e vendita di piccoli frutti, fragole e ciliegie tardive.

Cresce in maniera esponenziale l’attività di esportazione verso la Russia, che diviene così il secondo mercato estero di sbocco per fragole, piccoli frutti e ciliegie firmati Sant’Orsola.

Anche negli Emirati Arabi Uniti, in particolare a Dubai, si apprezzano le delizie della Cooperativa di Pergine Valsugana: i consumatori mediorientali riconoscono il valore del “Made in Italy” e gradiscono il buon sapore che contraddistingue questi prodotti.

Proseguono i rapporti commerciali anche con i Paesi del Nord Europa, Olanda e Scandinavia in particolare, e del Centro Europa, come la Spagna. La Germania rimane il mercato principale di destinazione di fragole e piccoli frutti, con un fatturato che si prevede supererà i 3 milioni di euro.

“Siamo molto soddisfatti del lavoro che stiamo facendo” dichiara il Direttore della Cooperativa, Matteo Bortolini “abbiamo fatto anche un test con un mercato particolarmente interessante, la Cina, dove abbiamo spedito i primi 100 quintali di ribes rosso”.

Riorganizzazione aziendale, presidio del marcato nazionale e internazionale: questi i fattori su cui punta Sant’Orsola per ripagare il socio – in maniera adeguata - della fatica del coltivare. La consapevolezza è che solo le aziende agricole sufficientemente gratificate continueranno ad abitare il territorio di montagna, mantenendo curato l’ambiente e vivace la vita economica e sociale di queste zone.

Comunicato stampa a cura di Sant'Orsola 

Per ulteriori informazioni: Sara Bellini - tel. 0461-518170

Probabilmente troverai di tuo interesse anche

  • Io vado fuori | Sant'Orsola Giovedì, 10 Luglio 2014

    L'esperienza della cooperativa Sant'Orsola raccontata dal responsabile commerciale Lorenzo Giacomelli

  • Mondo cooperativo - puntata 8 Mercoledì, 13 Novembre 2013

    In questa puntata: Lo chef Achille Leonardelli propone la ricetta con i piccoli frutti di S. Orsola

  • TCA | La cooperazione: dalla terra alla tavola - Piccoli frutti Sant'Orsola Mercoledì, 16 Gennaio 2013

    Sant’Orsola, lo specialista dei piccoli frutti, segna la nuova tappa del percorso alla scoperta delle eccellenze della cooperazione agricola trentina. Il presidente Silvio Bertoldi, il direttore Michele Scrinzi, la responsabile marketing Sara Bellini e alcuni produttori soci presentano questo mondo affascinante distribuito su più territori e caratterizzato da un paniere particolarmente ricco caratterizzato da more, ribes, lamponi, ciliegie, mirtilli e tantissimo altro. Piccoli...