Tonina e Segnana: “Tecnologia al servizio dei bisogni dei cittadini" Mercoledì, 11 Settembre 2019

La Federazione della Cooperazione al lavoro nel predisporre una nuova piattaforma che metterà in rete domanda e offerta di welfare in Trentino

Le nuove tecnologie sostengono inediti modelli di progettazione ed erogazione dei servizi di welfare. Una innovazione tecno-sociale che deve generare benessere e crescita economica - per le imprese e le persone – basandosi su un modello territoriale collaborativo che interconnetta cittadini, istituzioni, aziende ed organizzazioni no profit. Se ne è discusso questa mattina nella sala della cooperazione, dove è stato presentato ufficialmente il lavoro per la predisposizione di una piattaforma che metterà in rete domanda e offerta di welfare in Trentino. Il nuovo servizio sarà online da inizio 2020.

"Politiche sociali e tecnologia vanno a braccetto per migliorare il rapporto dei cittadini con la pubblica amministrazione” sono state le parole dell'assessore alla salute, politiche sociali, disabilità e famiglia, Stefania Segnana. “E' fondamentale favorire il confronto e la conoscenza delle nuove opportunità per migliorare il welfare in Trentino. Anche per questo, l'assessorato è impegnato con incontri di ascolto e confronto per raccogliere le istanze dei territori, delle aziende, delle Apsp e del terzo settore (incluso il no profit), anche in vista della predisposizione del nuovo catalogo dei servizi socio assistenziali che fotografa la rete dei circa 140 soggetti che operano in Trentino. In questo modo i cittadini avranno la possibilità di prendere visione dell’offerta dei servizi disponibili a livello locale per orientarsi nelle proprie scelte assistenziali”.La piattaforma digitale che la Federazione trentina della cooperazione sta elaborando con il contributo dei vari soggetti del territorio, ha suscitato vasto interesse tra i rappresentanti di realtà locali e nazionali che hanno seguito il convegno intitolato “Welfare in cooperazione: territori, reti e piattaforma”. L'idea di partenza – ha evidenziato la presidente della Federazione Marina Mattarei – è l'intercooperazione, ossia la capacità di collaborare, fare rete, coinvolgendo i diversi attori del territorio. Tre sono gli elementi chiave della nuova iniziativa digitale: l'anagrafica unica, la creazione di un borsellino interattivo personale e il marketplace. “La cooperazione e l'ente pubblico devono saper cogliere le opportunità offerte dalle nuove tecnologie, così come è emerso anche in occasione degli Stati generali della Montagna che la Giunta ha promosso sul territorio” sono state le parole del vicepresidente della Provincia e assessore all'urbanistica, ambiente e cooperazione, Mario Tonina. “Da 130 anni - ha osservato il vicepresidente della Giunta provinciale - la cooperazione ha assunto un ruolo importante in Trentino e continuerà ad avere un peso importante per la comunità locale anche in futuro, grazie alla sua innata capacità di sapersi rinnovare e fare gioco di squadra per rispondere ai bisogni emergenti, anche alla luce dell'invecchiamento della popolazione. È dunque importante cogliere i vantaggi offerti dalla ricerca e dall'innovazione digitale, anche se siamo in ritardo ad esempio nel predisporre la fibra ottica: l'amministrazione provinciale è ora fortemente impegnata nel garantire servizi all'altezza delle aspettative di cittadini e imprese. Solo in questo modo si potrà scongiurare il rischio spopolamento dei territori più lontani dalla città e sostenere i settori economici che rendono vitale e attrattivo il Trentino.